“Fondo di garanzia per le pmi, uno strumento sempre più utile”

A Torino successo di partecipanti per il convegno organizzato dall’Andoc locale. Il presidente Ziccardi: “Ripeteremo il seminario nel 2020”.

Successo di partecipazione per il convegno “La riforma del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese”, organizzato dall’Accademia dei Dottori Commercialisti di Torino presso la Sala Convegni del Banco Bpm. Circa 50 professionisti presenti hanno partecipato attivamente al seminario, chiedendo informazioni sul Fondo di garanzia e venendo coinvolti dai relatori in domande e risposte. “Abbiamo affrontato una materia non semplice e ancora di “nicchia” – afferma Marco Ziccardi, presidente dell’Accademia dei Dottori Commercialisti di Torino -. Ma la folta partecipazione ci spinge a pensare di ripetere il convegno nel 2020. Il Fondo, d’altronde, è super capiente ed è sicuramente da proporre alla nostra clientela”.

 

RIFORMA DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI: LEGGI LE SLIDES DELL’INCONTRO DI TORINO.

 

All’incontro hanno preso parte Nicola Mancini e Nicola Pistoni, commercialisti e consulenti finanziari professionisti; e Domenico Leone, Banco Bpm, prodotti di finanziamento. Il programma dei lavori ha previsto una prima parte di discussione sulle nuove modalità di intervento del Fondo a favore delle pmi. A seguire, è stato illustrato un caso reale: come finanziare una pmi col supporto del Fondo.

 

Il Fondo di garanzia: cos’è.

Il Fondo di Garanzia per le PMI è uno strumento istituito con Legge n. 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) e operativo dal 2000. La sua finalità è quella di favorire l’accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica che si affianca e spesso si sostituisce alle garanzie portate dalle imprese. Grazie al Fondo l’impresa ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti, di fatto, senza garanzie reali, ovvero senza costi aggiuntivi e altri vincoli, in generale con maggiori facilitazioni rispetto ad altri finanziamenti. È una garanzia quindi non rilascia contributi diretti all’azienda. Secondo le ultime rilevazioni (Fonte Mise – ottobre 2019), oltre il 99% delle imprese ha avuto accesso al finanziamento con la copertura del Fondo. È rivolto a imprese di micro, piccole o medie dimensioni e Professionisti, che devono essere valutati in grado di rimborsare il finanziamento garantito. Le start up sono invece valutate sulla base di piani previsionali.

 

 

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *