Manovra: ok differimento termini per i professionisti malati

Via libera alla “sospensione della decorrenza dei termini relativi ad adempimenti tributari a carico del professionista in caso di malattia, o infortunio”: è ciò che prevede l’emendamento votato il 21 dicembre scorso nella Commissione Bilancio di palazzo Madama, e di cui il firmatario, il senatore di FdI Andrea de Bertoldi, dà notizia all’ANSA.

La modifica prevede che, “in caso di ricovero del libero professionista in ospedale per grave malattia, o infortunio, o intervento chirurgico, ovvero in caso di cure domiciliari, se sostitutive del ricovero ospedaliero, che comportano una inabilità temporanea all’esercizio dell’attività professionale, nessuna responsabilità è imputata al libero professionista, o al suo cliente, a causa della scadenza di un termine tributario stabilito in favore della Pubblica amministrazione” per lo svolgimento di una prestazione a carico del cliente “da eseguire da parte del libero professionista nei 60 giorni successivi al verificarsi dell’evento”, si legge nel testo.

E le scadenze sono ‘congelate’ a decorrere “dal giorno del ricovero in ospedale, o dal giorno dell’inizio delle cure domiciliari fino a 30 giorni dopo la dimissione dalla struttura sanitaria, o la conclusione delle cure” presso il domicilio, specificando che la norma vale per periodi di degenza ospedaliera, o di cure domiciliari della durata di “più di tre giorni”.

 

Fonte: ANSA

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *